Polonia

Alessandro PasutPolonia
Cpk: Nuovo Aeroporto Centrale
Il Governo ha comunicato che i preparativi del progetto per la costruzione del Cpk sono in fase finale. Il progetto riguarda la costruzione di un aeroporto e di un intero snodo di trasporti, che integrerà il trasporto stradale, ferroviario ed aereo. Si troverà al centro della Polonia, a circa 37 km dalla capitale, Varsavia, e si prevede che ne usufruiranno ogni anno 45 milioni di passeggeri. La costruzione inizierà nel 2023 e già nel 2027 decollerà il primo aereo dal nuovo aeroporto. L’intento è di avere un grande hub di scambi commerciali internazionali, grazie anche alla posizione privilegiata della Polonia, al centro delle rotte dei trasporti di merce dall’Europa centrale e orientale.

Anche la presenza di una nuova rete ferroviaria, che collegherà il Cpk a tutte le regioni del Paese, sarà di forte stimolo all’economia, con la creazione di nuovi posti di lavoro, sia durante la costruzione del Cpk, che successivamente. Il Governo è convinto che ci sarà una ripercussione positiva anche nei settori dell’edilizia, dell’agricoltura e dell’industria alimentare. Questo ingente investimento avrà la collaborazione della Unione Europea attraverso lo stanziamento di appositi fondi.
Molte saranno le collaborazioni internazionali. Per l’aspetto architettonico della struttura, lo Stato ha ricevuto proposte da Studi di fama internazionale, tra questi: Chapman Taylor, Grimshaw, Foster & Partners, Zaha Hadid Architects. Tra i collaboratori stranieri ci sarà sicuramente la Gran Bretagna, con la quale è stato firmato un accordo di cooperazione, alla presenza del Ministro alle Infrastrutture polacco e l’Ambasciatore inglese in Polonia.
Questo grande progetto sta a dimostrare l’ambizione e l’impegno della Polonia di diventare uno Stato innovativo e contemporaneo.
(Fonte: I.m.e.)

 

Contattate Alessandro Pasut e se siete interessati ad investire in Polonia,

cliccate qui!

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *