Investire in Qatar e Brasile

Alessandro PasutQatar

Settore energetico. Il Qatar ha annunciato che a breve indirà gare per progetti fotovoltaici del valore di 27,4 milioni di dollari. I progetti mirano a introdurre energie alternative e a ridurre la dipendenza dal settore petrolifero. I progetti dovranno generare fino a 200MW attraverso tecnologie fotovoltaiche e a concentrazione solare.

Qatar

Infrastrutture. Si prevede l’aggiudicazione di più di 30 progetti autostradali per un valore totale di 27,5 miliardi nel corso dei prossimi mesi. Finora sono stati aggiudicati contratti per 1,8 miliardi di dollari nel settore stradale.

Brasile

Investimenti esteri. Il Brasile continuerà ad essere un importante polo di attrazione per gli investimenti esteri nei prossimi 12 mesi. Perlomeno il 21% delle imprese multinazionali pianifica di investire in differenti aree dell’economia brasiliana. I più interessati ad ampliare la presenza nel Paese sono gli spagnoli, gli americani e gli argentini, secondo l’International Business Report, divulgato dalla società di consulenza (Grant Thornton). Tale sviluppo è dovuto soprattutto agli investimenti nelle opere di infrastruttura previste per i Giochi olimpici del 2016, lo sfruttamento del petrolio e la crescita della capacità di consumo della nuova classe media brasiliana.

Ungheria

Settore militare. Secondo una notizia diffusa dall’Agenzia di Stampa Ungherese MTI, la Selex ES, società del gruppo Finmeccanica, fornirà il radar 3D Nato che sarà installato a Medina nell’Ungheria meridionale. La stazione radar di Medina costituirà il terzo elemento del sistema di sorveglianza dello spazio aereo ungherese.

Croazia

Trasporti. La società italiana SNAV ha acquistato un nuovo traghetto per collegare il porto di Ancona alla Croazia. La nave può trasportare fino a 1.800 passeggeri ed inizierà il servizio a breve.

Romania

Retribuzioni. Secondo gli ultimi dati resi noti dall’Istituto Nazionale di Statistica, nel 2015 lo stipendio lordo medio mensile per dipendente è stato di 2.134 lei (pari a circa 480 euro) mentre lo stipendio netto medio mensile è stato di 1.547 lei (pari a circa 350 euro). I valori netti più alti sono stati registrati nel settore delle intermediazioni finanziarie (875 euro), mentre i più bassi nel settore alberghiero e della ristorazione (190 euro).

Serbia

Settore del legno. Il sindaco del comune di Teslic ha incontrato un gruppo di imprenditori veneti che hanno manifestato interesse per l’acquisto delle strutture dell’impresa Nova Borja operante nell’industria del legno. Le tre imprese italiane appartengono rispettivamente al settore della lavorazione del metallo, della lavorazione del legno e dell’energia rinnovabile (solare). Il rappresentante degli imprenditori del Veneto ha affermato che si prevede l’avvio della produzione nella Nova Borja e l’assunzione di lavoratori.

Contattate Alessandro Pasut e se desiderate aprire una società in Qatar, Serbia, Brasile o Croazia, cliccate qui!

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *