Bulgaria, Repubblica Ceca e Romania: infrastrutture, IVA e pagamenti

Alessandro PasutBulgaria

Infrastrutture. La Bulgaria intende investire entro il 2020 un importo di 2 miliardi di leva nel sistema ferroviario. Le linee prioritarie saranno quelle destinate ai trasporti internazionali come la Sofia-Svilengrad, Sofia-Burgas, Vidin-Sofia e Varna-Ruse. L’obiettivo principale è l’aumento della velocità e della sicurezza delle ferrovie.
IVA. Il Ministro delle Finanze reso noto che la Bulgaria ha rimborsato 454 milioni di leva al settore privato nella prima metà di luglio. Il Ministro ha ribadito l’impegno del governo di accelerare il processo di rimborso dell’IVA. In luglio particolare attenzione è stata data alle piccole imprese.

Repubblica Ceca

Pagamenti. Secondo un’indagine condotta dalla banca CSOB, come nell’anno scorso, nella Repubblica Ceca le fatture relative alla fornitura di beni e di servizi sono stati pagati nella media entro 77 giorni. I ritardi più lunghi nei pagamenti sono stati registrati nel settore sanitario con 117 giorni. L’industria automobilistica invece paga le proprie fatture entro un periodo medio di 57 giorni.

Romania

Retribuzioni. Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’Istituto Nazionale di Statistica, nel mese di maggio lo stipendio lordo medio mensile per dipendente è stato di 2.226 lei (pari a circa 513 euro) mentre lo stipendio netto medio mensile è stato di 1.611 lei (pari a circa 371 euro). I valori netti più alti sono stati registrati nel settore dell’estrazione del petrolio grezzo e del gas (937,6 euro), mentre i più bassi nel settore alberghiero e della ristorazione (193 euro).
Settore immobiliare. Un’importante impresa italiana ha cominciato la costruzione di un complesso residenziale di lusso a Timisoara che conterrà 87 abitazioni di grandi dimensioni. L’investimento di 25 milioni di euro, provenienti da fondi propri, rappresenta il maggiore investimento nel settore residenziale effettuato in Romania negli ultimi anni. Le abitazioni hanno superfici fra 218 e 365 m² e terreno fino a 1.100 m². Il complesso residenziale includerà anche una zona commerciale ed un club privato. La costruzione della prima tappa, contenente 27 abitazioni è stata già conclusa.

Contatta Alessandro Pasut e se desiderate trasferire la vostra società in Bulgaria, Repubblica Ceca e Romania cliccate qui!

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *