Delocalizzazione Investimenti in Repubblica Ceca

Alessandro Pasut

REPUBBLICA CECA

Il Ministero delle Finanze ha sottoposto una serie di proposte fiscali. In linea con l’accordo di governo, dovrebbe essere cancellata l’introduzione dell’aliquota IVA unica del 17,5% pianificata a partire dal 2015. In materia dei contributi sociali, il Ministero propone l’abolizione dell’entrata in vigore del cosiddetto Punto d’Incasso Unico per i contributi dell’assicurazione sociale e sanitaria. A partire dal 2016 dovrebbe essere anche abolito il concetto di stipendio superlordo. Inoltre, dal 2016 il contributo di solidarietà dovrebbe essere sostituito da una seconda aliquota dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, che dovrebbe avere i medesimi parametri come l’attuale contributo di solidarietà. Uno degli obiettivi principali del Ministero è la lotta all’evasione fiscale. Entro il 2015 dovrebbe essere rafforzato l’istituto del Pagatore inaffidabile IVA e la generalizzazione del sistema di reverse-charge per i movimenti transfrontalieri. La più discussa misura anti-evasione è l’introduzione del Registro elettronico dei conti bancari. Il progetto prevede l’attivazione, a partire dal 2016, di un registro centrale presso la Banca centrale ceca che conterebbe i nomi dei titolari e il valore del deposito sul conto.

Per ricevere una consulenza da Alessandro Pasut sulla delocalizzazione di investimenti in Repubblica Ceca clicca qui

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *