Ungheria: la legge contabile

Alessandro_Pasut

Dopo la modifica della Legge contabile effettuata nel giugno 2013, alla quale è seguita la nuova versione entrata in vigore il 1° gennaio 2014, i gruppi aventi parti correlate potranno effettuare gli adeguamenti dei prezzi di trasferimento in modo più efficiente. Le parti correlate potranno iscrivere la differenza tra il valore normale di mercato ed il prezzo applicato ai prodotti ed ai servizi venduti/acquistati in un determinato periodo nei libri contabili in uno dei modi seguenti.

La differenza dei prezzi potrà essere rilevata come parte del valore storico di un’attività nel caso dell’acquisto, come modifica agli oneri/costi nel caso della vendita di servizi e come parte delle entrate nette di vendita nel caso di vendite. Questa prassi potrà essere applicata anche senza la necessità di rilasciare fatture correttive al posto di effettuare cambiamenti alla base imponibile dell’imposta sul reddito delle persone giuridiche.

A partire dall’anno imponibile 2013, le nuove regole prevedono l’adeguamento alla fine dell’anno invece che sostituisce i metodi usati frequentemente nel passato (p.e. iscrizione come proventi/oneri straordinari vari)
Se le parti correlate applicano il metodo contabile sopra descritto, le differenze riferite all’anno corrente devono essere rilevate al più tardi nel libro mastro del bilancio d’esercizio dell’anno corrente nel giorno di riferimento del medesimo.
Le autorità hanno anche confermato che la correzione non potrà essere trattata come modifica del compenso delle singole transazioni originali se la correzione è finalizzata esclusivamente alla profittabilità in conformità al contratto stipulato tra le parti.

Il rilascio di una fattura correttiva di cui alla legge sull’IVA non è necessario. Il suo trattamento contabile deve essere considerato come non rientrante nel campo di applicazione dell’IVA e tale circostanza potrà essere comprovata da qualsiasi documento considerata prova accettabile secondo quanto previsto dalla Legge contabile.
Le regole di cui sopra potrebbero facilitare le operazioni delle società e fornire chiarimenti per la prassi dell’adattamento contabile alla fine dell’anno. E’ tuttavia necessario fornire i rispettivi contratti e garantire la disponibilità della documentazione corretta.

Per ricevere maggiori informazioni da Alessandro Pasut sulla legge contabile in Ungheria clicca qui.

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *