Ungheria: indagine sulle modifiche alla NAV

Alessandro PasutPriceWaterhouseCoopers ha pubblicato la sua indagine nazionale su come i contribuenti percepiscono le modifiche verificatesi nell’ambito dell’Amministrazione nazionale delle imposte e delle dogane (NAV) e del suo ambiente normativo.
Dall’indagine emerge che l’85% delle persone interrogate, sia imprenditori che persone fisiche, ritiene che le autorità fiscali rispettano le scadenze esistenti ed il 90% ritiene che la NAV informa appropriatamente delle azioni e sanzioni legali da attendersi. La competenza legale dei funzionari degli uffici delle imposte è ritenuta migliorata rispetto a periodi precedenti.

I contribuenti intervistati hanno tuttavia criticato la prassi della NAV di rinviare le scadenze. A seguito della trasformazione dell’autorità sul piano organizzativa, un terzo delle persone interrogate, che rientrano nella categoria dei grandi contribuenti, è stato trasferito dalla Direzione preposta per questa categoria agli uffici delle imposte locali.
Secondo quanto dichiarato alle persone interrogate, l’esperienza della NAV, la trasformazione organizzativa nell’ambito dell’assistenza fornita ai contribuenti, la velocità di espletamento delle procedure e dei controlli non sono significativamente cambiate. Si sono tuttavia verificate delle difficoltà nell’adeguamento, soprattutto a causa del differente atteggiamento praticato dagli uffici e della mancanza di attenzione specifica per i problemi delle grandi imprese.

I partecipanti all’indagine si sono dichiarati soddisfatti della cortesia e della professionalità dei funzionari ma ritengono che la mancanza di conoscenza specifica dei singoli settori continua a presentare degli ostacoli. Un quinto delle risposte indica che i contribuenti hanno dei dubbi se i loro argomenti verrebbero accolti in caso di ricorsi in modo che a volte non tentano nemmeno di ripercorrere tale strada.
L’89% delle persone intervistate naviga nel sito della NAV prima di affrontare problemi amministrativi. Questi contribuenti tuttavia il fatto che le informazioni relative a nuove e complesse leggi fiscali appaiono nel sito soltanto quattro a cinque mesi dopo la loro entrata in vigore.

Le procedure elettroniche si sono rilevate un pieno successo. Le cifre dimostrano che l’amministrazione attraverso il sito dell’e-government o i centri di contatti è molto popolare ed il gradimento con tale servizio si attesta attorno al 60-70%. I contribuenti si augurano un’espansione del numero di servizi elettronici offerti e vi sono molte aree in cui miglioramenti potrebbero essere conseguiti.

Per avere da Alessandro Pasut una consulenza sull’economia internazionale clicca qui.

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *