Ungheria: modificato il sistema delle sponsorizzazioni sportive

Sponsorizzazioni sportive. Il sistema della sponsorizzazione di popolari sport di squadra viene modificato nel senso che lo sponsor di una squadra sarà soggetto al pagamento di un contributo supplementare per lo sviluppo dello sport al fine di poter beneficiare dell’agevolazione fiscale. Il valore di tale contributo deve ammontare ad almeno il 75% del vantaggio fiscale in conformità all’accordo stipulato nell’ambito del certificato sul pacchetto di sponsorizzazione. Secondo le nuove regole tuttavia l’ammontare del contributo supplementare allo sviluppo pagato nell’ambito di accordi di sponsorizzazione non è riconosciuto ai fini dell’imposta sul reddito delle persone giuridiche.

Il contribuente deve notificare l’amministrazione fiscale entro 8 giorni dell’accordo finanziario vigente in merito al pacchetto di sponsorizzazione. In mancanza della notifica non esiste alcuna possibilità di presentare una domanda di verifica.

Imposta sulle auto aziendali. Le modifiche riguardano persone fisiche e giuridiche che procedono al leasing permanente di automobili soggette all’imposta sulla circolazione per contratti che entrano in vigore a partire dal 1° luglio 2013. In tale modo gli utilizzatori del leasing permanente di un’automobile avrebbero anche il diritto a dedurre l’importo dell’imposta sulla circolazione dell’auto aziendale dall’importo dell’imposta sugli autoveicoli. Lo stato del leasing permanente richiede la locazione per un periodo indefinito o di un periodo superiore ad un anno a condizione che il locatore rimane il proprietario registrato dell’automobile.

IVA. Le modifiche comprendono disposizioni che mirano ad eliminare un potenziale accumulo d’imposta in relazione alla vendita di automobili soggette ai divieti di deduzione dell’IVA sostenuta a monte. Le nuove regole provvedono ad un’esenzione della vendita di automobili dall’IVA non soltanto nei casi in cui in cui l’acquisto era soggetto ad IVA non deducibile ma anche nei casi in cui nessun IVA è stata pagata in occasione dell’acquisto ovvero se ci fosse stato pagato, la persona soggetta all’IVA non avrebbe avuto alcun diritto a dedurla.

Per avere da Alessandro Pasut una consulenza sull’economia internazionale clicca qui.

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *