Macedonia: investimenti nei settori automobilistico ed energetico

Settore automobilistico. Il rappresentante ufficiale della Iveco, Kargomaks, ha aperto a Skopje un nuovo salone per i mezzi di trasporto pesanti. L’investimento complessivo per l’apertura del nuovo salone è di 2 milioni di euro. Secondo le informazioni fornite dall’importatore Iveco, fino ad ora sono stati venduti 400 veicoli, o in media 80 veicoli all’anno, di cui la maggior parte ricade alle marche “Daily” e “Stralis”. Il direttore della Kargomaks, Kosta Kiprovski, ha annunciato che presto sarà aperto un secondo salone della Kargomaks (in fase di costruzione), localizzato a Strumica, nella zona industriale di Vasilevo. Per il futuro è già prevista l’apertura di un centro per l’ampliamento della capacità dei veicoli.

Settore energetico. Il Ministro delle Finanze Stavrevski ha preannunciato l’investimento di 300 milioni di euro nel settore energetico macedone nei prossimi quattro anni. Tra i progetti di maggior importanza sono previsti: ulteriori ammodernamenti dei Blocchi 1 e 3 della centrale di Bitola; costruzione della linea di trasporto di carbone Brod-Gneotino/ Suvodol-Bitola (18,6 milioni di euro); la costruzione della Centrale Idroelettrica Boskov Most (75 milioni di euro); la costruzione della Centrale Idroelettrica di Lukovo Pole ( 55 milioni euro); l’ammodernamento delle sei grandi centrali idroelettriche Vrutok, Raven, Vrben, Globocica, Tikves e Spilje (valore complessivo di 31,8 milioni di dollari); la linea di alta tensione Nis (Serbia) -Stip (Macedonia) (14 milioni euro); la linea di alta tensione Bitola (Macedonia)-Elbasan (Albania) che dovrebbe collegarsi con le reti in Italia e Montenegro (15 milioni di euro), nonché altri investimenti nella rete elettrica e del gas.

Nella realizzazione di questi progetti, oltre alla ELEM (Ente Pubblico per la Generazione di Energia Elettrica) e alla MEPSO (Ente Pubblico per la Trasmissione di Energia Elettrica), partecipano con propri finanziamenti la BERS, KfW, BEI e la Banca Mondiale.

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *