Imprenditoria italiana e abbassamento del rating in Slovenia

Imprenditoria. Nell’ambito del FDI Summit Slovenia 2011 è stato assegnato il premio FDI Award Slovenia come investitore dell’anno 2010 alla società Julon del Gruppo italiano Aquafil (Arco-Trento), come riconoscimento per il più importante investimento estero in Slovenia nel 2010. La Julon produce dal 1995 fibre sintetiche ed ha stabilimenti tecnologici a Lubiana, Aidussina, Senozece e Store. L’investimento ha ormai raggiunto quasi i 150 milioni di euro e nel lungo periodo è destinato a consolidarsi con un ulteriore apporto finanziario. La Julon rappresenta il più grande investimento italiano nel settore reale in Slovenia. Nel corso della manifestazione è stato sottolineato che il mercato sloveno offre una serie di vantaggi competitivi grazie alla sua posizione geopolitica, che la rende anche uno snodo regionale per gli investimenti in tutta l’area del centro e dell’est europeo, all’attrattività delle tasse al 20% e del costo del lavoro più basso del 30% rispetto all’ Italia.

Rating. Dopo le agenzie Moody’s e Fitch anche la Standard & Poor’s ha abbassato il rating di lungo termine sul debito sovrano della Slovenia da AA a AA-. È rimasto invariato quello a breve termine A-1+. Secondo la S&P dopo il deterioramento delle condizioni fiscali derivanti dalla crisi del 2008, il Paese non ha finora presentato una strategia di consolidamento credibile. Il debito sloveno, che nel periodo 2002-2008 era decrescente, dal 2008 ha subito una rapida crescita a causa delle misure governative di aiuto all’economia ed al sistema bancario. S&P ritiene che la Slovenia necessita di riforme strutturali che sgraveranno le finanze pubbliche.

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *