Croazia: retribuzioni in calo ma il Paese entra tra le nazioni mediamente ricche

Retribuzioni. Secondo i dati preliminari dell’Ente Statistico Croato, lo stipendio medio netto è ammontato in luglio a 6.224 kune (ca. 829,86 euro). Rispetto al mese di giugno, lo stipendio medio è diminuito di 232 kune (ca. 30,93 euro), il che rappresenta un calo del 3,6% in termini nominali. A livello annuo, lo stipendio medio netto è diminuito dello 0,6% rispetto al mese di luglio dell’anno precedente. Lo stipendio medio più elevato è stato registrato nel settore di management ed è ammontato a 12.548 kune (ca. 1.673,06 euro).

Ricchezza economica. Secondo un’analisi della Allianz, la Croazia si è collocata tra i cinque paesi più ricchi dell’Europa Orientale, insieme a Slovenia, Estonia, Repubblica Ceca e Ungheria. I cittadini croati hanno raddoppiato le loro proprietà negli ultimi 10 anni e sono orientati innanzitutto ai risparmi in banca. I croati, con una media delle proprietà finanziarie lorde di ca. 10.158 euro, sono entrati nella categoria delle nazioni mediamente ricche. Con un tasso di crescita annua media delle proprietà finanziarie lorde del 9,5% la Croazia si è situata sotto al livello dell’Europa Orientale, che ha registrato una crescita della media delle proprietà finanziarie lorde del 16,3%. In Croazia la quota dei depositi bancari è elevata ed si è attestata al 58%.

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *