Repubblica Ceca: Scadenza per l’accertamento delle imposte

La Legge sull’amministrazione tributaria definisce il termine alla scadenza del quale l’imposta non può più essere accertata o accertata in modo supplementare. Entro tale termine tuttavia i contribuenti possono modificare il loro debito fiscale presentando una dichiarazione dei redditi supplementare. Nei mesi precedenti il metodo della determinazione della scadenza dell’accertamento, in linea di massima invariato dal 1993, è stato soggetto a ripetuti cambi.

Ulteriori cambiamenti sono previsti per l’anno prossimo nell’ambito nel nuovo Codice di amministrazione tributaria. Nel dicembre 2008 la Corte costituzionale aveva trovato incompatibile con la costituzione l’interpretazione della rispettiva regola adottata dall’Amministrazione fiscale negli ultimi quasi 16 anni.

La Corte Costituzionale ha stabilito che il periodo di accertamento delle imposte ha una durata di tre anni. Non ha tuttavia inizio alla fine dell’anno in cui è sorto l’obbligo di presentare una dichiarazione dei redditi, ma alla fine del rispettivo periodo imponibile. Per garantire maggiore sicurezza legale, la Legge sull’amministrazione tributaria è stata quindi modificata a partire dal 1° gennaio 2010 in modo da farla corrispondere alla sentenza della Corte Costituzionale.

A partire dal 1° gennaio 2011, la Legge sull’amministrazione tributaria sarà sostituita dal Codice di amministrazione tributaria che a sua volta provvederà a disciplinare il metodo della determinazione del periodo di accertamento dell’imposta in modo diverso. Verrà mantenuto il periodo dei tre anni ma il termine decorrerà dall’ultimo giorno del periodo previsto per la presentazione della dichiarazione dei redditi. Ciò significa che il periodo di accertamento di tre anni valido per le società soggette a revisione e riferito al periodo imponibile del 2011 avrà inizio il 30 giugno 2012 e scadrà il 30 giugno 2015.

Sulla base degli accordi raggiunti dalla coalizione in materie economiche, il Governo intende prolungare la scadenza per l’accertamento delle imposte da tre a cinque anni al fine di poter combattere l’evasione fiscale in modo più efficiente. Questo punto è stato considerato nella cosiddetta modifica tecnica al Codice di amministrazione tributaria presentata in luglio dal Ministero delle Finanze al Governo. E’ quindi probabile che le regole del Codice di amministrazione tributaria saranno ulteriormente modificate prima della sua entrata in vigore.

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *