La Competitività in Croazia

Settore bancario. Il Banco Popolare Croatia (BPC – Gruppo Banco Popolare) ha sottoscritto con la Banca Croata per la Ricostruzione e lo Sviluppo (HBOR), un accordo di collaborazione che prevede il finanziamento degli imprenditori, delle micro, piccole e medie imprese, e delle persone fisiche che soddisfano i criteri dell’Unione Europea. Il valore del finanziamento del progetto ”Microcrediti” ammonta 4,5 milioni di euro. I fondi fanno parte del contratto dell’ HBOR e della banca tedesca KFW Bankengruppe per l’anno in corso, con l’obiettivo di incentivare la crescita dello sviluppo delle piccole e medie imprese per un valore di 20 milioni di euro.

Competitività. Secondo il rapporto sulla competitività globale per il 2009 redatto dal Forum Economico Mondiale (WEF), la Croazia si trova al settantasettesimo posto tra i 139 Paesi compresi nel rapporto, mentre l’anno scorso occupava il settantaduesimo posto. Tra i vantaggi comparativi di cui dispone Croazia vi sono il livello tecnologico, le infrastrutture, il sistema sanitario, l’educazione primaria, la stabilità macroeconomica. Gli ambiti meno competitivi della Croazia continuano ad essere il mercato del lavoro, l’operato delle istituzioni statali, il mercato finanziario. Le valutazioni peggiori sono state assegnate al rapporto tra i datori di lavoro e i dipendenti, all’onere delle politiche statali, al costo della politica agricola e all’efficacia del fisco.

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *