News su economia e finanza in Bulgaria

Bulgaria Imposte. Mentre il Governo bulgaro ha scartato il suo progetto dell’aumento dell’IVA, vi sono dichiarazioni che fanno prevedere un aumento dell’imposta sul reddito. Il capo della Commissione Bilancio del Parlamento ha detto che probabilmente sarà abolita l’imposta forfetaria. Attualmente la Bulgaria ha la tassazione del reddito più bassa dell’UE (10%). La Bulgaria ha inoltre il livello più basso per i contributi sociali.
Settore energetico. Il gruppo svizzero Windex, specializzato nella produzione di attrezzature per le turbine eoliche, investirà 25 milioni di euro per la costruzione di uno stabilimento di produzione a Costanza. I lavori di costruzione dovrebbero iniziare entro i prossimi due mesi e fra un anno lo stabilimento sarà pronto per il collaudo. Tale stabilimento produrrà tutte le attrezzature necessarie per la realizzazione delle turbine eoliche ed assicurerà anche la progettazione ed il collaudo. Stabilimenti di questo tipo esistono anche in Italia.
Premi di assicurazione. Il governo bulgaro ha approvato la proposta di legge che prevede l’introduzione di un’imposta del 2% sui premi di assicurazione. La nuova imposta entrerà in vigore il 1° settembre prossimo. Il 2% dovrà essere pagato sul totale dei premi ricevuti. Ne sono esentate le polizze di assicurazione vita e cargo.
Infrastrutture. La Commissione Europea ha richiesto l’annullamento del bando di bara per la riabilitazione della linea ferroviaria di Plovdiv, per un valore di 187 milioni di euro per vizi di sostanza e procedura quali: offerte economiche molto alte, anche del 30% superiori al budget di previsione, sospetti di corruzione e conflitto di interessi. Le relative segnalazioni sono pervenute alla Commissione anche da uno dei partecipanti, l’italiana CLF. A fine aprile erano state aperte solo 3 delle 8 offerte presentate; tra queste, quella del consorzio italo-bulgaro “Salcef – Energoremont”, che aveva presentato offerta per tutti e tre i lotti. Il bando dovra’ essere indetto nuovamente.
Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *